Tutti i Prodotti
Abbigliamento Anodi Motori-Flap-Filtri-Serbatoi-Tappi Imbarco Ancoraggio - Verricelli Arredamento Binocoli e Carteggio Bozzelli e Strozzascotte Contagiri - Indicatori - Sensori Coperta Cordame - Elastici - Cinghie ElettricitÓ Elettronica Eliche Solas in Acciaio Eliche Solas in Alluminio Eliche di prua LEWMAR Fari e Plafoniere Gommoni Teli Tender Luci di via e Fanali Manutenzione e Pulizia Pompe - Ghiacciaie Igloo - Sanitari Sicurezza e accessori Sport acquatici Strumenti per Navigazione Tendalini e Coperture Timonerie e accessori


Catalogo Eliche Solas

Pompe Whale
BLOG sugli Accessori Nautici BLOG sugli Accessori Nautici

CATEGORIE GIUBBINI E CAPACITÀ DI ROVESCIAMENTO
Esiste una differenza sostanziale tra l’aiuto al galleggiamento, spesso utilizzato in regata e che supporta solo parte del peso (solitamente è da 50N)
e il giubbotto di salvataggio, quello che salva la vita, sostenendone completamente a galla il peso con la testa emersa, e in alcuni casi assicurando anche la rotazione di una persona incosciente sulla schiena, permettendogli di respirare.

Gli accessori nautici come i giubbini sono costruiti per adulti o per bambini (modelli junior).
Questi ultimi variano in funzione del peso del bambino e i più piccoli possono avere un sostegno inguinale in tessuto o cinghia, per evitare che il salvagente si sfili dalla testa quando il bambino cade in acqua o lo si sta recuperando a bordo.

Esistono due categorie di giubbotti di salvataggio: quelli in schiuma espansa da 100 e 150N e quelli gonfiabili da 165, 180, 200, 275 e 300N.
Questi numeri indicano i Newton (ricordiamo 10 N sono circa 1.02Kg) di spinta che il giubbino immerso genera verso l’alto, la sua galleggiabilità.
A livello normativo, i giubbotti venduti in Europa devono essere conformi alla normative 12402-4 per i 100N, 12402-3 per i 150N e 12402-2 per i 275N, come nella tabella sotto riportata.

Il salvagente per essere efficace deve essere pratico da indossare, ha possibilmente un sostegno per la testa, in modo da aiutare nel sostentamento qualora non si è coscienti e non deve ostacolare i movimenti.

Normative Accessori Nautica

TIPI DI GIUBBINI

I primi che vediamo sono i modelli in schiuma espansa (morbida o rigida, i modelli classici) hanno un rivestimento arancione munito di catarifrangenti, così da essere visibili e rintracciabili in mare di giorno e notte. La loro struttura è composta da un interno di schiuma a cellule chiuse, ovvero che non assorbe acqua, così da non perdere di galleggiabilità anche se bagnati. I modelli in schiuma morbida favoriscono galleggiabilità e vestibilità. Possono essere stretti con cinghiette con diversi sistemi di chiusura indossandoli tipo a gilet, più o meno pratici, adattandosi alle differenti corporature.

Sono i più comuni e meno costosi, adatti ad una navigazione costiera e per ottemperare alle disposizioni di legge.

Leggermente migliori rispetto ai più economici giubbini a stola sono quelli a corpetto, molto pratici per i movimenti e consigliabili al velista sportivo, per il wind surf o lo sci nautico. Questi ultimi sono spesso solo un aiuto al galleggiamento, di fatto hanno una spinta limitata e quindi non sono validi come dotazione di legge.

I preferiti dai marinai e spesso utilizzati per la navigazione d’altura sono i gonfiabili, automatici o con attivazione manuale, poco ingombranti in navigazione e molto efficienti, se ben indossati, una volta gonfiati. In opzione questi salvagenti possono avere un cappuccio che copre la testa e la protegge dagli spruzzi, uno dei maggiori pericoli per un naufrago in condizioni di vento estremo è la nebulizzazione dell’acqua nell’aria che respira.

Bisogna considerare che i salvagenti gonfiabili sono oggi la miglior soluzione e hanno capacità di spinta che va ben oltre i 150N dei giubbotti tradizionali, assicurando il massimo galleggiamento per ogni uomo, considerando anche i pesi indotti da abbigliamento, cerata e stivali.

Giubbotti di Salvataggio

Una volta immerso in acqua il giubbotto, una bomboletta di gas CO2 compresso viene forata dal meccanismo di apertura consentendo il gonfiaggio immediato delle camere in tessuto che lo compongono. Il sistema di apertura può essere idrostatico (Hammar) o con una pastiglia di sale o carta, che bagnata cede e libera il meccanismo, (UML-5) mentre è sempre presente un sistema manuale di emergenza così come una cannuccia per il gonfiaggio a bocca.

SISTEMI DI ATTIVAZIONE SALVAGENTE GONFIABILE

MANUALE A STRAPPO: Semplice, si attiva un cordino che fora la cartuccia di CO2 e gonfia il salvagente. Da notare che si attiva solo se coscienti, inefficace come dotazione di sicurezza

AUTOMATICO IDROSTATICO HAMMAR: Si attiva per pressione dell’acqua, una volta che il pressostato si è immerso per circa 10cm. Da notare che il sistema è resistente ad umidità ed acqua, ma non sempre si attiva se ci si immerge lentamente e sul dorso

AUTOMATICO CON PASTIGLIA DI SALE O CARTA ULM-5: Il più comune, una molla è trattenuta da un compressa di sale o carta che si scioglie se bagnata, forando la bomboletta e liberando la CO2 che gonfia il giubbino. Da notare che richiede minima manutenzione e può attivarsi in caso di onda o spruzzo che bagna la pastiglia e quando in sentina o nel gavone è presente acqua.

Accessori ATTIVAZIONE SALVAGENTE GONFIABILE

DISCLAIMER-ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ
Non siamo responsabili per l’uso improprio dei mezzi di salvataggio, l’articolo è di cultura generale.


Tender e Gommoni.
I battelli rappresentano una filosofia a sè per la loro praticità e maneggevolezza (almeno nelle taglie minori).
Negli ultimi anni hanno acquisito livello di comfort e abitabilità simili alle imbarcazioni e spesso sfoggiano un design sofisticato e soluzioni innovative.
La maggior parte dell'offerta è però sempre costituita da modelli tradizionali, accessori progettati per il puro divertimento. Anche come accessori in package.

Il tender un termine generico con cui s'individuano in gergo imbarcazioni di piccole e medie dimensioni il cui scafo è interamente(o parzialmente) realizzato con tessuto impermeabilizzato di tipo gommoso e la cui galleggiabilità è assicurata da strutture tubolari laterali.

La costruzione recente tende sempre più spesso a realizzare imbarcazioni e accessori di questo tipo con carena rigida in vetroresina molto slanciata di tipo planante,
aumentandone notevolmente la lunghezza e rendendo gli scafi addirittura cabinati.
La produzione con tessuto esclusivamente gommoso è riservata ormai ai soli tender, canotti adibiti al trasbordo delle persone dalla barca alla spiaggia o al porto.

Qui di seguito il Gommone Easy Life 1,85m
Accessori Nautica Gommone Easy Life
Gommone pieghevole con fondo piatto irrigidito da stecche trasversali. Il gommone più compatto e leggero possibile, ideale per piccole imbarcazioni dove lo spazio è prezioso. Fornito completo di remi, gonfiatore, kit riparazione e borsa trasporto.

Qui di seguito il Tender pneumatico fondo a stecche
Tender pneumatico fondo a stecche
Versione pieghevole, con fondo piatto irrigidito da stecche trasversali. Dei modelli disponibili risulta il più compatto una volta piegato,
ideale per chi ha problemi di stivaggio. Fornito completo di remi, gonfiatore, kit riparazione e borsa trasporto.

Qui di seguito il Tender con pagliolo pneumatico gonfiabile ad alta rigidità VIB
Tender con pagliolo pneumatico gonfiabile ad alta rigidità VIB
Questa tecnologia permette di abbinare la comodità di stivaggio ad una ottima navigabilità.
Il pagliolo pneumatico ad alta rigidità permette di avere un battello con un fondo rigido VIB paragonabile a quello dei modelli con chiglia in vetroresina.
Il fondo VIB incollato sotto i tubolari aumenta notevolmente la galleggiabilità e la profondità interna.
Finito l'utilizzo può essere ripiegato comodamente come se fosse un battello a stecche rigide.
Il miglior battello possibile per chi ha problemi di stivaggio. Fornito completo di remi, gonfiatore, kit riparazione e borsa trasporto.

Tender a carena in vetroresina a V profondo
Accessori nautici Tender a carena in vetroresina a V profondo
Caratterizzata da ottima navigabilità, mezzo ideale per chi desidera confort e divertimento in piena sicurezza.
Buone prestazioni anche con basse potenze. Realizzati con materiale Meheler. Fornito completo di remi, gonfiatore e kit riparazione.

Comoda come accessorio la Sacca sotto panchetta per tender
Accessori nautici Sacca sotto panchetta per tender
Comoda e pratica, aumenta il confort della panchetta con una morbida imbottitura. La borsa con tracolla può essere asportata tramite due comode zip, l'imbottitura rimane saldamente attaccata alla panchetta tramite tre pratiche cinghie.

Come sconfiggere l'umidità in barca.
Due fattori indesiderati in barca sono l'acqua di mare e la condensa.
L'umidità in barca e in cabina è infatti tra i più antipatici e fastidiosi problemi. Occorre dire che le goccioline che inzuppano gli interni sono fastidiose ma anche abbastanza innocue per la barca.

Il vero problema generato da questi due fattori è la muffa. Ovunque ristagni la condensa infatti, si formeranno rapidamente molti strati di miceli verdastri (il verde è il colore delle muffe) e le loro spore, possono infestare ogni ambiente.

Le chiazze su cuscini, materassi o sull'abbigliamento lasciato negli stipetti, saranno i primi campanelli d'allarme. Poi si tingeranno di verde la cucina, specie zona frigorifero, tutto il cartaceo (libro di bordo, carte nautiche, portolan, etc.), le guarnizioni in gomma e infine ogni materiale, dalle cime di rispetto ai rivestimenti interni, per via dell'umidità, la vostra cabina finirà per esser mangiata dalle muffe.

TRUCCHI PER SCONFIGGERE L'UMIDITA' IN BARCA

Utilizzo esteso degli deumidificatori, Accessori nautici, che troverete al seguente link. Non consumano e ne potete verificare l'efficacia, monitorando quotidianamente l'igrometro di bordo durante un lungo ormeggio. In una settimana umidità relativa ridotta da 80% a 40%. Usare sempre l'apposita vaschetta dimensionata in base alla cartuccia di sali. E' pericoloso non usarla e scaricare condensa direttamente nel lavandino, peggio con le prese a mare lasciate aperte! I sali, ad esempio cloruro di calcio possono essere corrosivi per le guarnizioni e nocivi per l'ambiente marino.

Sacchetti a base di silica-gel ovunque. Sono quasi tutti rigenerabili lasciandoli al sole una giornata o mettendoli nel micro-onde.

Ventilare. Aprire stipetti, gavoni, sotto panche, far circolare aria, ad ogni occasione. Specialmente gli stipetti, quelli che paradossalmente vorreste tenere chiusi per non far arrivare l'umidità al vestiario, conviene siano areati il più possibile.

Manica a vento. In rada, o una commerciale in tela sottile, o una più artigianale scatola di cartone sul boccaporto aperto di prua per far entrare un pò di vento asciutto come i nostri Accessori Nautici, che troverete al seguente link cliccando sull'immagine:
Accessori Manica a vento universale Manica a vento universale Manica a vento per accessori boccaporti da 40 cm
Manica a vento per boccaporti da 40 cm

Ventilatori solari. Per la barca all'ormeggio, di facile installazione sono piccoli ventilatori autonomi alimentati da pannello solare, aspirano l'aria e ne garantiscono ricircolo, senza dover lasciare la barca alimentata. Un semplice ventilatore da tavolo o da auto 12V garantisce buon flusso, ma non lasciatelo acceso se non siete a bordo!
Aeratore con cella solare Aeratore con cella solare Aeratore solare Solarvent
Aeratore solare Solarvent

Griglie. Durante il rimessaggio, potete chiedere per poco costo l'installazione di bocchette di aereazione o griglie aggiuntive. Ne esistono di tutti i tipi, sia per boccaporti che per il ponte, stagni, dotati di zanzariere. Prima di fare fori in coperta, affidatevi all'esperienza dei cantieri: manutenzione, tipologia, posizionamento e il dimensionamento corretto sono importanti, anche per la sicurezza.

Griglia aerazione circolare
Griglia aerazione circolare

Intercapedini. Create spazio d'aria tra superfici e cuscineria . Ci sono molti materiali isolanti appositamente studiati per far circolare l'aria. Sollevare materassi e cuscini ogni qual volta non siano utilizzati fa la differenza, una cima asciutta di buon diametro messa tra cuscino e superficie a serpentina, può garantire un buon distacco.

Bagni di sole. Nelle giornate secche e ventilate, stendete quanto più possibile materiale in coperta e fate fare un bagno di sole alle cuscinerie, oltre a togliere l'umidità intrappolata all'interno, i raggi UV uccideranno moltissimi micro-organismi.

Lavare con acqua dolce superfici interne. Inevitabilmente un pò di salsedine si deposita sempre e il sale attirerà l'umidità.






Accessori Nautici - Portacanne - Scalette - Supporto Motore

Oggi: 29 / 10 / 2020

"Sito in Aggiornamento

e suo ripristino previsto a breve"


Cosa stai cercando?
Visualizza carrello
Distributore Ufficiale Lofrans'
NOVITÀ
Teloni sartoriali per Gommoni


Teloni e Coperture
Scalette e Passerelle
Ghiacciaie IGLOO
Portacanne
Supporti Motore
Tendalini
Serbatoi Carburante
Musoni
Serravele e Elastici
Gonfiatori Elettrici
Binocoli
Zaini e Borsoni Stagni
App SalentoNavigare.it